Solo nel momento felice del Viaggio, Pensare ha un Luogo

Mitico! muovere i giovani per la Memoria • Luoghi Pensanti

Mitico! muovere i giovani per la Memoria

Pippo PaganoDomenica 18 Maggio 2014  al Parco Archeologico Leontinoi: Mitico! Laboratorio Evocativo per le nuove generazioni; è stato possibile incontrare le figure indimenticabili del nuovo laboratorio diretto da Rossana Vasta, Rosita Privitera e Rosa Maria Brunno con Demetra ed Eracle ospiti d’onore, nonchè sotto mentite spoglie Ida & Oscar, che hanno interpretato un testo riadattato di Nunzia Crisci con le musiche di Pippo Pagano.

Photo Giuseppe Sferazzo

Photo Giuseppe Sferazzo

Il progetto ha avuto uno specifico territorio di riferimento: Leontinoi, la dove si è coinvolti i giovanissimi partecipanti alle attività di visita, spettacolo e disegno. L’interazione innanzitutto con i genitori è stata preziosa, nel guidarli alla scelta di far vivere con periodicità ai propri figli i resti della memoria storicamente nostra; memoria capace di trasformare il Luogo in uno spazio aperto, dinamico: pensate al lavoro, di chi come me [Vanessa Vacanti, Cristina Pulvirenti, Roberta Volpe] ha svolto attività di accompagnatore di questo viaggio, che è rivolto a un’esperienza concreta e condivisa, piena di grazia e mistero, che riscrive nell’incontro la sua epifania giocosa.

Mitico Laboratori Evocativi LeontinoiCi vogliamo rivolgere agli abitanti di questo territorio per intraprendere insieme un gioco fondato su Azioni che intendono sprofondare nella Memoria del gesto come un dolce, o amaro, viatico all’incontro col proprio corpo. Partendo dalle tracce dei nostri antenati, nei pensieri, nelle posture, nei gesti, nei margini e argini silenziosi, ma a volte urlatinelle declinazioni dinamiche del corpo tra narrazione, storia e urgenza di apertura, cercheremo di dar vita ad un ciclo di apparizioni fantastiche che guardano a un passato urbano fatto di radure e prati, che si intravedono solo nelle tracce del corpo e nel desiderio di apertura. [Virgilio Sieni]

È a questi aspetti che dobbiamo rivolgerci quale possibile inizio di un benessere mentale e fisico, abbiate l’abitudine di muovere passi e riflessioni. Memoria ed educazione di ogni età vanno a braccetto, lo sguardo appassionato e insieme pudico di una iniziativa che fa scoprire lentamente nei bambini un modo di fare scuola diverso che lascia all’altro lo spazio per esprimersi nella sua totalità. Torneranno a ripercorrere quei sentieri, anche se dovvesse farlo il sentimento con l’immaginazione. cit.